IL FANTASMA DI CANTERVILLE, venerdì 20 dicembre, ore 21.00 al CPG

Ormai è un’abitudine consolidata: a Natale i Saltapasti vanno in scena con uno spettacolo per famiglie.
E’ stato così nel 2008, 2009 e 2010 con “il Canto di Natale” di C.Dickens. E’ stato così nel 2011 e 2012, con “la passeggiata tra le fiabe alla ricerca dell’amicizia”. E così sarà anche quest’anno.

La scelta è caduta su un famoso racconto di Oscar Wilde, “il Fantasma di Canterville“, che rilegge le storie di paura della tradizione gotica con ironia e tenerezza.
Così, tra momenti di comicità e di poesia, Wilde testimonia il confronto/scontro tra due culture agli antipodi. Da una parte il pragmatismo degli americani, convinti di conoscere la soluzione a tutti i problemi, di poter dominare il mondo, la classe emergente, il futuro; dall’altra parte la vecchia aristocrazia britannica, con il suo amore per le tradizioni,la classica imperturbabilità e quel modo di essere sempre uguali a sé stessa in ogni circostanza.

“Il Fantasma di Canterville” è un racconto dalla potente atmosfera fiabesca, ma anche satirica, e per questo incanta, fa sorridere e riflettere lettori (e, spettatori!) di tutte le età, Così ascolteremo il ministro americano dire che se mai un fantasma esistesse in Europa, gli impresari del suo paese di sicuro lo ingaggerebbero per farlo lavorare nei loro teatri, paragonando quindi una leggenda vivente a un fenomeno da baraccone. Lo sentiremo dichiarare che quando una governante sviene rompendo il servizio buono per aver visto un fantasma, è lecito addebitarle i danni, e vedremo pulire la macchia di sangue (che da secoli riaffiora nel salotto buono, a memoria di un turpe delitto) con uno smacchiatore di provata efficacia. Ma vedremo anche come un membro di questa irriverente famiglia riuscirà a sanare l’enorme divario tra il vecchio e il nuovo mondo, riuscendo inaspettatamente a comprendere il fantasma e a soffrire per il suo dramma…

Lo spettacolo rientra nella rassegna del “tutti giù dal palco” del Centro del Protagonismo Giovanile di Strada delle Cacce 36

INGRESSO GRATUITO CON OFFERTA LIBERA AGLI ARTISTI
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA:
teatrobaracca@gmail.com
TEL. 3497837231

http://www.cpgtorino.it/il-fantasma-di-canterville-mirafiori-in-scena/

Sarà “il fantasma di Canterville” il nostro spettacolo di Natale 2013

Ormai è un’abitudine consolidata, per i Saltapasti: Natale si va in scena con uno spettacolo adatto alle famiglie.

E’ stato così nel 2008, 2009 e 2010 con “il Canto di Natale” di C.Dickens. E’ stato così nel 2011 e 2012, con “la passeggiata tra le fiabe alla ricerca dell’amicizia”. E così sarà anche quest’anno.

La scelta è caduta su un famoso racconto di Oscar Wilde, “il Fantasma di Canterville“, che rilegge le storie di paura della tradizione gotica con ironia e tenerezza. Così, tra momenti di comicità irresistibile e di sublime poesia, Wilde testimonia il confronto/scontro tra due culture agli antipodi. Da una parte il pragmatismo americano, convinti di conoscere la soluzione a tutti i problemi, di poter dominare il mondo, il potere del denaro, la classe emergente, il futuro; dall’altra parte la vecchia aristocrazia britannica, l’amore per le tradizioni, il mito, la classica imperturbabilità e quel modo di essere sempre uguali a sé stessi in ogni circostanza.

Il fantasma (o meglio, i fantasmi, perché in scena ne vedrete più di uno) di per sé è solo un elemento nel contesto, uno degli oggetti compresi nella compravendita del castello che infesta.

Nella versione teatrale dei Saltapasti, “il Fantasma di Canterville” sarà sopratutto una storia dall’immancabile lieto fine, portata in scena dalla nostra compagnia “multigenerazionale”, per un pubblico di tutte le età. E’ un racconto dalla potente atmosfera fiabesca, ma anche satirica, e per questo incanta, fa sorridere e riflettere sia i bambini che i meno giovani, mentre ascoltiamo il ministro americano che se mai un fantasma esistesse davvero in Europa, gli impresari del suo paese lo  avrebbero di sicuro ingaggiato per farlo lavorare nei loro teatri, paragonando quindi una leggenda vivente a un fenomeno da baraccone. Nel contempo lo sentiamo dichiarare che se una governante sviene rompendo il servizio buono per aver visto un fantasma, è lecito addebitarle i danni, e vediamo  pulire la macchia di sangue (che da secoli riaffiora nel salotto buono, a memoria di un turpe delitto compiuto in vita dal fantasma) con uno smacchiatore di provata efficacia. Ma vedremo anche come un membro di questa irriverente famiglia riuscirà a sanare questo enorme divario tra il vecchio e il nuovo mondo, riuscendo inaspettatamente a comprendere il fantasma e a soffrire per il suo dramma…

Vi aspettiamo la sera del 26 dicembre 2013, alle ore 21.00, presso il teatro della parrocchia S.Anna in via Brione 40 a Torino (zona Piazza Rivoli). Per informazioni e prenotazioni: segreteria@saltapasti.com

 

corsi di recitazione 2013 – 2014: inizia il conto alla rovescia!

Ormai manca davvero poco all’inizio dei nostri nuovi laboratori.

Ecco un riepilogo di tutto quello che c’è da sapere.

 

COSA E QUANDO

(1) laboratorio di dizione e lettura espressiva.

tutti i lunedì, dal 7 ottobre al 16 dicembre 2013, dalle 19.30.

 

(2) “CHI E’ DI SCENA?”, laboratorio di recitazione – 1 anno

rivolto a tutti, senza limiti di esperienze e di età, mira da una parte a trasmettere le conoscenze di base necessarie ad avvicinarsi al magico mondo della recitazione (dizione, respirazione, improvvisazione), dall’altra a instaurare un clima sereno e piacevole, indispensabile per essere a proprio agio, con se stessi, gli insegnanti e gli altri allievi, dunque aiutando questi ultimi ad esprimersi al meglio.

tutti i lunedì, dal 14 ottobre 2013 al 9 giugno 2014, dalle 21 alle 23

 

(3) “RETROPALCO”, laboratorio di recitazione – 2 anno

rivolto agli allievi del laboratorio “retropalco” iniziato lo scorso anno, ma anche a chi desidera inserirsi nel gruppo avendo già un po’ di esperienza di recitazione. Verranno affrontate materie più specifiche (lettura interpretativa, studio del personaggio, espressione corporea), ma sempre con un occhio al buon clima e allo spirito di gruppo.

tutti i mercoledì, dal 16 ottobre 2013 al 11 giugno 2014, dalle 21 alle 23


(4) “FUORI DI SCENA”, laboratorio permanente per ragazzi

rivolto ai ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori interessati a fare un percorso “teatrale” di gruppo. Il laboratorio durerà più dei consueti due anni, essendo finalizzato alla creazione di una compagnia amatoriale dove oltre agli attori, anche i tecnici e perfino la regia saranno curate da giovanissimi!

tutti i lunedì, dal 14 ottobre 2013 al 9 giugno 2014, dalle 19 alle 21

NOTA: qualora non si raggiungesse il numero minimo di allievi (10 persone), agli iscritti verrà proposto di iscriversi al laboratorio del 1 anno, tenendo viva la speranza che future iscrizioni possano creare il gruppo necessario ad avviare il percorso permanente.

 

 

DOVE

Saremo sempre ospiti della Cascina Roccafranca, in via Rubino angolo via Gaidano a Torino (in zona Motorvillage di corso Orbassano, per intenderci)

http://www.cascinaroccafranca.it/index.php?option=com_content&view=article&id=47&Itemid=59

 

QUANTO

il costo di tutti i laboratori è di 30 € al mese, più 10 € di iscrizione annuale, da versare al primo pagamento.

LA PRIMA LEZIONE DI PROVA E’ GRATUITA!

 

 

Infine, un invito: venite a conoscerci giovedì 10 ottobre, alle 20.30, nel salone della Cascina Roccafranca.

Avrete la possibilità di assistere allo spettacolo degli ormai ex allievi di Proscenio, che hanno concluso a giugno il percorso biennale con noi e che ne stanno per intraprendere uno nuovo, finalizzato a trasformarsi in una vera e propria compagnia amatoriale.

Qui troverete maggiori informazioni sullo spettacolo

http://saltapastiteatro.altervista.org/le-due-verita-alla-cascina-roccafranca-giovedi-10-ottobre-alle-21

Non mancate!

LE DUE VERITA’ alla Cascina Roccafranca, giovedì 10 ottobre alle 21

L’importanza di concedersi un dubbio

Dodici giurati si sono ritirati per decidere il destino di una ragazza di sedici anni, accusata dell’omicidio del padre. In caso di verdetto di colpevolezza la condanna sarà alla sedia elettrica. Al voto preliminare, molti giurati sono persuasi che l’imputata sia colpevole; qualcuno invece crede che la vita della giovane valga almeno una discussione. Il dibattito il peso di un pregiudizio che ha radici profonde in questi uomini e queste donne, cittadini “rispettabili” ma umanamente confusi.

C’è chi è conquistato dal valore del dubbio e l’abbraccia nell’istante in cui lo incontra, ma c’è anche chi fatica a separarsi dalle proprie certezze, che spesso sono l’unico punto fermo di un’intera vita. E anche quando la giuria prende una decisione, quella che è davvero la “Verità” rimane sepolta nel cuore dell’unica persona che la conosce per intero, e che non è mai completamente quella che sembra.

Dopo il debutto di giugno, torna in scena questa versione riveduta e corretta dell’intrigante “Twelve Angry Men” di Reginald Rose (noto in Italia come “la parola ai giurati”), dramma giudiziario dalle profonde sfumature umane e sociali.
Insieme agli allievi del laboratorio permantente “Pro-scenio” si esibiranno nuovamente le due giovani attrici della compagnia dei Saltapasti, Elisa Albicenti e Valentina Vetrò, nei panni delle due verità di un personaggio che nel testo originale non appare mai, pur essendo centrale ai fini della storia: l’assassino.
Il testo che ne è risultato è sorprendente e davvero giustifica la scelta del titolo dell’opera portata in scena con questo allestimento.
Vi aspettiamo presso il salone grande della Cascina Roccafranca, in via Rubino 45 (angolo via Gaidano), a TORINO
INGRESSO:  a offerta libera
per prenotazioni: segreteria@saltapasti.com

 

BARUFFE BAROCCHE all’Educatorio della Provvidenza, 7 luglio alle 16.30

Due episodi della durata di un atto ciascuno, ambientati nel Piemonte del XVIII secolo,  il cui filo conduttore è l’equivoco, che strappa e ricuce i fili delle esistenze, fa incontrare e separare, con esiti quasi sempre imprevedibili.

Sul palco si alternano guitti e ostesse, ricchi borghesi, nobili e plebei. Cameriere fin troppo dolci e damine fin troppo bisbetiche, contadini imbranati, ladri, picari alla ricerca dell’affare con cui riempirsi la pancia per un po’. Tutto funziona finché, appunto, non entra in scena l’Equivoco. E allora… si salvi chi può! A ristabilire la pace, e a condurre verso l’immancabile lieto fine, provvede spesso la saggezza dei più umili. Oppure… un altro equivoco!

Primo atto: “una notte di tempesta”

Dove si assiste a una movimentata notte nella locanda dell’Oca d’Argento,: dalle prove di un improbabile dramma, con una regista bizzarra e attrici molto amatoriali ma molto convinte, al corteggiamento di un innamorato sincero per una cortigiana smaliziata, ai tentativi di un ladruncolo senza soldi in tasca di dare un senso alla sua nottata.

Secondo atto: “… e i cocci sono suoi”

Dove messer Pantagruele, capocomico e impresario di gran lustro, si ingegna con le sue attrici a trovar modo di guadagnar denari per la cassa della  compagnia. La sorte gli è amica,  facendogli  incontrare Matilde  e Norberto, ricchi possidenti di Brusasco venuti a comprar casa a Torino. E in un attimo, gli attori si trasformano in diplomatici stranieri, pronti a vendere la loro dimora alla fine dell’incarico.

 

Sarà una messa in scena molto particolare, quella di domenica 7 luglio, scritta, adattata e preparata in poche settimane, che vedrà un cast completamente nuovo riunito per l’occasione. Si esibiranno infatti, insieme ai Saltapasti, gli attori del gruppo Pro-Scenio, reduci dall’impegno de “le due verità”, con cui hanno concluso il percorso del laboratorio biennale alla Cascina Roccafranca. Sarà dunque un vero e proprio battesimo del fuoco, sia per gli ex-allievi, che per gli attori della compagnia.

 

Vi aspettiamo dunque all’Auditorium dell’Educatorio della Provvidenza, in corso Gen. Govone, 16/A Torino!

 

Per prenotazioni: 011-595292

Ingresso € 5, fino ad esaurimento posti Apertura Auditorium Ore 16.00 – INIZIO SPETTACOLI ORE 16.30

 

 

LUCCIOLE PER LANTERNE, martedì 2 luglio, ore 21.30 al Cecchi Point

 

Nella ormai consolidata tradizione che vede i Saltapasti impegnati nelle sere d’estate torinesi, ci troverete tra gli spettacoli della rassegna estiva del Cecchi Point di via Cecchi 17 a Torino, organizzata da Quinta Tinta.

Lo spettacolo si terrà all’aperto, presso il cortile del Cecchi Point. In caso di pioggia non temete, ci sposteremo nel salone delle Arti.

L’ingresso è gratuito, l’uscita… a offerta.

 

Per informazioni e prenotazioni:

info@cecchipoint.it

o11 197 14416

 

 

Animazioni teatrali a Rivoli, per la festa di Borgo Uriola!

Più precisamente, ci troverete in piazza Cavallero, a Rivoli, nella giornata di domenica 16 giugno, dalle 16 alle 21,  in compagnia di concerti, giochi di magia e prelibatezze gastronomiche. Ci vedrete interpretare alcune scenette dove si alterneranno coppiette in vena di sarcasmo, fanciulle innamorate e amiche pettegole: e non preoccupatevi se perderete l’inizio di uno sketch… lo ripeteremo più volte nel corso della giornata!

 

LUCCIOLE PER LANTERNE, venerdì 14 giugno, ore 21 al teatro Murialdo

Il conte Guiscardo di Valfenera sarebbe una persona felice: è ricco, nobile, proprietario di una rinomata scuderia di cavalli da corsa. Quando il cameriere Arsenio gli parla di un certo barone di Perpignac, disposto a un matrimonio combinato, Guiscardo è sicuro di aver trovato un marito per la sua incontentabile sorella, e che importanza ha se il barone “è un po’ eccentrico”, come si sussurra in giro! Invece ci sono due baroni di Perpignac, i fratelli Ruggero e Bernardo, furbo e spregiudicato il primo, gentile e maldestro il secondo. L’ovvia spirale di equivoci porterà innamoramenti, litigi, scambi di persona… e perfino un duello. La vicenda condurrà a un finale lieto, ma non certo a prova di ulteriori equivoci.

“Lucciole per Lanterne” è un testo originale che si ispira alla commedia dell’arte, ma anche al teatro classico che fa delle situazioni ambigue e degli scambi di persona i suoi cavalli di battaglia. Ed è proprio l’equivoco il protagonista di questa commedia, che gioca e confonde, divide e unisce.

***

 

Dopo il bel debutto nella rassegna del teatro Araldo, la nostra nuova produzione “lucciole per lanterne” replicherà VENERDI 14 GIUGNO

presso il Teatro Murialdo di via Chiesa della Salute 17

 

La serata è organizzata dalla Cooperativa Il PONTE, comunità educativa residenziale che accoglie minori che si trovano in stato di disagio per situazione di emergenza familiare, difficoltà relazionali o per parziale o totale abbandono.

La crisi economica e i tagli nel settore socio assistenziale rendono ancora più difficile il lavoro degli operatori.

 

Una buona occasione, quindi, non solo per godersi una serata in allegria, ma anche per contribuire a una buona causa!

“PAUSA CAFFE'” e “TAVOLI CONFINANTI” al Teatro San Luca, domenica 9 giugno alle 21

Dopo un anno di giochi e risate, ma anche timori affrontati alla scoperta di un nuovo mondo, ecco arrivato il momento di affrontare il palco.
Domenica 9 giugno toccherà agli allievi di RETROPALCO (primo anno di laboratorio biennale) e di FUORIDISCENA (laboratorio permanente per ragazzi).
Presso il Teatro SAN LUCA, in via negarville 14, a Torino, saranno rappresentante alcune scenette aventi per elemento comune momenti conviviali delle nostre vite.
La fatidica pausa caffé sarà l’argomento del saggio dei “Retropalchini”, con un testo che è la rielaborazione del film “coffee and cigarettes”, di Jim Jarmusch.
I giovani “Fuoridiscenini”, alla fine di un percorso di alcuni incontri quindicinali,  si esibiranno invece in “tavoli confinanti”, una scenetta che i Saltapasti hanno portato in scena all’ultima Fiera del Libro di Torino, ambientata in un locale al momento dell’aperitivo.
Venite a dare un bel sostegno ai nostri allievi, siamo sicuri che vi sorprenderanno!
INGRESSO 7 EURO (5 € minori di anni 18)
per prenotazioni: segreteria@saltapasti.com

LE DUE VERITA’ al Teatro San Luca, sabato 8 giugno alle 21

L’importanza di concedersi un dubbio

Dodici giurati si sono ritirati per decidere il destino di una ragazza di sedici anni, accusata dell’omicidio del padre. In caso di verdetto di colpevolezza la condanna sarà alla sedia elettrica. Al voto preliminare, molti giurati sono persuasi che l’imputata sia colpevole; qualcuno invece crede che la vita della giovane valga almeno una discussione. Il dibattito il peso di un pregiudizio che ha radici profonde in questi uomini e queste donne, cittadini “rispettabili” ma umanamente confusi.

C’è chi è conquistato dal valore del dubbio e l’abbraccia nell’istante in cui lo incontra, ma c’è anche chi fatica a separarsi dalle proprie certezze, che spesso sono l’unico punto fermo di un’intera vita. E anche quando la giuria prende una decisione, quella che è davvero la “Verità” rimane sepolta nel cuore dell’unica persona che la conosce per intero, e che non è mai completamente quella che sembra.

Dopo il loro debutto di un anno fa con “PICCOLE BARUFFE CRESCONO”, tornano in scena gli allievi del laboratorio “PRO-SCENIO”, che si esibiranno in una versione riveduta e corretta dell’intrigante “Twelve Angry Men” di Reginald Rose (noto in Italia come “la parola ai giurati”), dramma giudiziario dalle profonde sfumature umane e sociali.
Insieme ai “Pro-scenini” si esibiranno due giovani attrici della compagnia dei Saltapasti, Elisa Albicenti e Valentina Vetrò, che hanno collaborato a un interessante esperimento di scrittura creativa per interpretare, ciascuna a modo suo, un personaggio che nel testo originale non appare mai, pur essendo centrale ai fini della storia.
Il testo che ne è risultato è sorprendente e davvero giustifica la scelta del titolo dell’opera portata in scena con questo allestimento.
Vi aspettiamo presso il Teatro SAN LUCA di via negarville 14 a TORINO
sabato 8 giugno, alle ore 21.
INGRESSO: 7 EURO, 5 euro ridotti (minori di anni 18)
per prenotazioni: segreteria@saltapasti.com
Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito